Tipologie di procedimento

Dlgs 14 marzo 2013, n. 33
articolo 35 commi 1, 2

Obblighi di pubblicazione relativi ai procedimenti amministrativi e ai controlli sulle dichiarazioni sostitutive e l'acquisizione d'ufficio dei dati

1. Le pubbliche amministrazioni pubblicano i dati relativi alle tipologie di procedimento di propria competenza. Per ciascuna tipologia di procedimento sono pubblicate le seguenti informazioni:
a) una breve descrizione del procedimento con indicazione di tutti i riferimenti normativi utili;
b) l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria;
c) l'ufficio del procedimento, unitamente ai recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale, nonchè, ove diverso, l'ufficio competente all'adozione del provvedimento finale, con l'indicazione del nome del responsabile dell'ufficio, unitamente ai rispettivi recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale;
d) per i procedimenti ad istanza di parte, gli atti e i documenti da allegare all'istanza e la modulistica necessaria, compresi i fac-simile per le autocertificazioni, anche se la produzione a corredo dell'istanza è prevista da norme di legge, regolamenti o atti pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, nonchè gli uffici ai quali rivolgersi per informazioni, gli orari e le modalità di accesso con indicazione degli indirizzi, dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale, a cui presentare le istanze;
e) le modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino;
f) il termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l'adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante;
g) i procedimenti per i quali il provvedimento dell'amministrazione può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato, ovvero il procedimento puo' concludersi con il silenzio assenso dell'amministrazione;
h) gli strumenti di tutela, amministrativa e giurisdizionale, riconosciuti dalla legge in favore dell'interessato, nel corso del procedimento e nei confronti del provvedimento finale ovvero nei casi di adozione del provvedimento oltre il termine predeterminato per la sua conclusione e i modi per attivarli;
i) il link di accesso al servizio on line, ove sia già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione;
l) le modalità per l'effettuazione dei pagamenti eventualmente necessari, con le informazioni di cui all'articolo 36;
m) il nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo, nonchè le modalità per attivare tale potere, con indicazione dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale;

2. Le pubbliche amministrazioni non possono richiedere l'uso di moduli e formulari che non siano stati pubblicati; in caso di omessa pubblicazione, i relativi procedimenti possono essere avviati anche in assenza dei suddetti moduli o formulari. L'amministrazione non può  respingere l'istanza adducendo il mancato utilizzo dei moduli o formulari o la mancata produzione di tali atti o documenti, e deve invitare l'istante a integrare la documentazione in un termine congruo. 

ATTIVITA' RICETTIVE - affittacamere, appartamenti per vacanze, bed & breakfast, campeggi, strutture ricettive alberghiere.

Responsabile di procedimento: Panizza Vittorio
Responsabile di provvedimento: Panizza Vittorio
Responsabile sostitutivo: Puglia Rosa

Uffici responsabili

SUAP

Descrizione

AFFITTACAMERE: Ai sensi della L.R. 2/2008 e s.m.i. e del conseguente Regolamento Regionale n. 3/2009 sono affittacamere le strutture ricettive atte a fornire alloggio ed eventuale servizi complementari, ivi compresala somministrazione di cibi e bevande, in non più di sei camere, sprovviste di cucina o posto cottura, ammobiliate, poste in uno stesso stabile o in stabili adicenti. L'attività di affittacamere può altresì essere esercitata in modo complementare all'esercizio di ristorazione qualora sia svolta da uno stesso titolare.

L'esercizio può essere svolto in forma non imprenditoriale, con carattere occasionale o saltuario, da coloro che gestiscono sino a tre camere con possibilità di servire la prima colazione.

 

APPARTAMENTI PER VACANZE: Ai sensi della L.R. 2/2008 e s.m.i., e del conseguente Regolamento Regionale per case e appartamenti per vacanze si intendono le unità immobiliari di civile abitazione ubicate in immobili esistenti, composte ciascuna da uno o più locali, arredate e dotate di servizi igienici e cucina autonomi, gestite, unitariamente in forma imprenditoriale, per l'affitto a turisti, nel corso di una o più stagioni, con contratti aventi validità non superiore a dodici mesi consecutivi.

 

BED & BREAKFAST: Ai sensi dell'art. 24 della L.R. 2/2008 e del successivo Regolamento Regionale n. 3/2010 il Bed & Breakfast è una struttura ricettiva a conduzione familiare esercitata da privati che, con carattere occasionale o saltuario, avvalendosi della loro organizzazione familiare, utilizzano parte dell'unità abitativa ove dimorano stabilmente nei periodi di apertura della struttura fino ad un massimo di tre camere, nonchè locali comuni per fornire ai turisti alloggio e prima colazione.

Nel Bed & Breakfast deve essere presente una camera ad uso esclusivo del titolare della struttura ricettiva, il quale è tenuto a garantire la presenza nella propria unità abitativa nelle fasce orarie serali e mattuttine secondo quanto disposto nello specifico Regolamento.

 

CAMPEGGI: Ai sensi dell'art. 14 della L.R. 2/2008 e s.m.i. e del Regolamento Regionale n. 11/2011 i campeggi sono strutture ricettive organizzate per la sosta ed il soggiorno di turisti provvisti di tende, caravan e autocaravan che siano trasportabili per via ordinaria senza la necessità di ricorrere a trasporto eccezionale. L'occupazione, di durata temporanea, è consentita per periodi limitati e comunque non superiori al periodo di apertura del complesso ricettivo ed eventualmente rinnovabili.

 

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE: Ai sensi dell'art. 5 della L.R. 2/2008 e s.m.i. l'attività di struttura ricettiva alberghiera (Albergo, RTA, Locanda) è un esercizio pubblico a gestione unitaria che offre ospitalità al pubblico in uno o più stabili o parti di stabili. Tali esercizi possono svolgere la propria attività oltrechè nella sede principale, cd. Casa Madre, ove sono ubicati i servizi di ricevimento e portineria, anche in dipendenze aventi caratteristiche di cui allo specifico regolamento.

L'attività viene esercitata a seguito di presentazione di una SCIA.

 

 

 

Chi contattare

Personale da contattare: Siccardi Marina

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: si
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no
60 Giorni

Costi per l'utenza

Per le attività di AFFITTACAMERE, APPARTAMENTI PER VACANZE, BED & BREAKFAST e CAMPEGGI, è necessario un versamento di € 50,00, da effettuarsi con le seguenti modalità:

ccp n. 11241189 intestato al Comune di Imperia con l'indicazione, nella causale "SCIA Affittacamere" o "SCIA case, appartamenti per vacanze" o "SCIA Bed & Breakfast"o "SCIA Campeggi";

c/c bancario BANCA CARIGE filiale di Oneglia, via G. Berio, 2 IBAN IT 41 F 06175 10500 00000 1403790 con l'indicazione nella causale "SCIA Affittacamere" o "SCIA case, appartamenti per vacanze" o "SCIA Bed & Breakfast"o "SCIA Campeggi".

Per le STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE è necessario un versamento di € 100,00 da effettuarsi con le seguenti modalità:

ccp n. 11241189 intestato al Comune di Imperia con l'indicazione, nella causale "SCIA Strutture Ricettive Alberghiere";

c/c bancario BANCA CARIGE filiale di Oneglia, via G. Berio, 2 IBAN IT 41 F 06175 10500 00000 1403790 con l'indicazione "SCIA Strutture Ricettive Alberghiere".

Servizio online

Facebook Twitter Linkedin
Recapiti e contatti
Viale Matteotti, 157 - 18100 Imperia (IM)
PEC protocollo@pec.comune.imperia.it
Centralino 0183 7011
P. IVA 00089700082
Linee guida di design per i servizi web della PA
Seguici su: