Tipologie di procedimento

Dlgs 14 marzo 2013, n. 33
articolo 35 commi 1, 2

Obblighi di pubblicazione relativi ai procedimenti amministrativi e ai controlli sulle dichiarazioni sostitutive e l'acquisizione d'ufficio dei dati

1. Le pubbliche amministrazioni pubblicano i dati relativi alle tipologie di procedimento di propria competenza. Per ciascuna tipologia di procedimento sono pubblicate le seguenti informazioni:
a) una breve descrizione del procedimento con indicazione di tutti i riferimenti normativi utili;
b) l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria;
c) l'ufficio del procedimento, unitamente ai recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale, nonchè, ove diverso, l'ufficio competente all'adozione del provvedimento finale, con l'indicazione del nome del responsabile dell'ufficio, unitamente ai rispettivi recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale;
d) per i procedimenti ad istanza di parte, gli atti e i documenti da allegare all'istanza e la modulistica necessaria, compresi i fac-simile per le autocertificazioni, anche se la produzione a corredo dell'istanza è prevista da norme di legge, regolamenti o atti pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, nonchè gli uffici ai quali rivolgersi per informazioni, gli orari e le modalità di accesso con indicazione degli indirizzi, dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale, a cui presentare le istanze;
e) le modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino;
f) il termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l'adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante;
g) i procedimenti per i quali il provvedimento dell'amministrazione può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato, ovvero il procedimento puo' concludersi con il silenzio assenso dell'amministrazione;
h) gli strumenti di tutela, amministrativa e giurisdizionale, riconosciuti dalla legge in favore dell'interessato, nel corso del procedimento e nei confronti del provvedimento finale ovvero nei casi di adozione del provvedimento oltre il termine predeterminato per la sua conclusione e i modi per attivarli;
i) il link di accesso al servizio on line, ove sia già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione;
l) le modalità per l'effettuazione dei pagamenti eventualmente necessari, con le informazioni di cui all'articolo 36;
m) il nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo, nonchè le modalità per attivare tale potere, con indicazione dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale;

2. Le pubbliche amministrazioni non possono richiedere l'uso di moduli e formulari che non siano stati pubblicati; in caso di omessa pubblicazione, i relativi procedimenti possono essere avviati anche in assenza dei suddetti moduli o formulari. L'amministrazione non può  respingere l'istanza adducendo il mancato utilizzo dei moduli o formulari o la mancata produzione di tali atti o documenti, e deve invitare l'istante a integrare la documentazione in un termine congruo. 

ESTETISTA

Responsabile di procedimento: Panizza Vittorio
Responsabile di provvedimento: Panizza Vittorio
Responsabile sostitutivo: Puglia Rosa

Uffici responsabili

SUAP

Descrizione

Ai sensi delle L.R. Liguria n. 1/1990 e 3/2003 l'esercizio dell'attività di Estetista è soggetto a SCIA da presentarsi al Comune da parte del soggetto interessato, impresa individuale o societaria.

Per ogni sede dell'impresa ove viene esercitata l'attività di Estetista deve essere designato, nella persona del titolare, di un socio partecipante al lavoro, di un familiare coadiuvante o di un dipendente dell'impresa, almeno un responsabile tecnico in possesso della qualifica professionale. Tale responsabile garantisce la propria presenza durante lo svolgimento delle attività di estetica.

La qualificazione professionale di Estetista si intende conseguita, dopo l'espletamento dell'obbligo scolastico, mediante il superamento di un apposito esame teorico-pratico preceduto dallo svolgimento :

a) di un apposito corso regionale di qualificazione della durata di due anni, con un minimo di 900 ore annue; tale periodo dovrà essere seguito da un corso di specializzazione della durata di un anno oppure da un anno di inserimento presso un'impresa di Estetista;

b) di un anno di attività lavorativa qualificata in qualità di dipendente, a tempo pieno, presso uno studio medico specializzato oppure un'impresa di Estetista, successiva allo svolgimento di un rapporto di apprendistato presso un'impresa di Estetista della durata prevista dalla contrattazione collettiva di categoria, e seguita da appositi corsi regionali, di almeno 300 ore di formazione teorica, integrativi delle cognizioni pratiche acquisite presso l'impresa di Estetista;

c) di un periodo, non inferiore a tre anni, di attività lavorativa qualificata, a tempo pieno, in qualità di dipendente o collaboratore familiare, presso un'impresa di Estetista, accertata attraverso l'esibizione del libretto di lavoro o di documentazione equipollente, seguita dai corsi regionali di formazione teorica di cui alla lettera b). Tale periodo di attività deve essere svolto nel corso del quinquennio antecedente l'iscrizione ai corsi di cui alla lettera b).

Qualora, per ragioni diverse, il responsabile tecnico dovesse essere sostituito oppure di ritenesse di aggiungere un nuovo soggetto è necessario presentare una SCIA di variazione, Il responsabile tecnico è iscritto nel REA, tenuto dalla Camera di Commercio, contestualmente alla trasmissione della SCIA.

Anche nel caso si verifichi una variazione nell'ambito della società sia essa riferita alla denominazione sociale, all'assetto societario o alla trasformazione della natura giuridica, è necessario presentare SCIA di variazione.

Non è ammesso lo svolgimento dell'attività in forma ambulante o di posteggio.

ORARIO D'ESERCIZIO: L'Ordinanza Sindacale n. 590 del 17/12/2009 dispone la sospensione facoltativa all'obbligo della chiusura domenicale e festiva concedendo, nel periodo intercorrente tra l'ultima domenica di novembre e sino al 6 gennaio, la deroga facoltativa, domenicale e festiva, alla chiusura obbligatoria.

Tale deroga è, altresì, applicabile alla domenica antecedente la Pasqua (domenica delle Palme) e al periodo estivo intercorrente dalla prima domenica del mese di giugno sino all'ultima domenica di agosto. Al di fuori di tali periodi gli esercizi dovranno osservare la chiusura completa nei giorni domenicali e festivi, salvo apposita deraoga del Sindaco.

L'Ordinanza ribadisce il rispetto dell'orario massimo settimanale di esercizio pari a ore 48. Il titolare dell'attività, nell'ambito della fascia oraria giornaliera di apertura ricompresa fra le ore 8 e le ore 20, può scegliere liberamente l'orario di apertura e chiusura non superando le 12 ore giornaliere e rispettando il limite massimo di 48 ore settimali di apertura. Gli esercenti hanno facoltà di effettuare la chiusura infrasettimanale.

L'esercente è tenuto a rendere noto al pubblico l'orario di effettiva apertura e chiusura del proprio esercizio mediante apposito cartello. esposto in modo ben visibile e leggibile dall'esterno, senza dover inviare alcuna comunicazione al Comune.

L'orario deve avere carattere settimanale ovvero non può essere sostituito durante la settimana, per cui, per modificarlo, è necessario attendere la domenica. Deve riguardare tutti i giorni della settimana evidenziando le eventuali differenziazioni e la chiusura infrasettimanale se prescelta.

Chi contattare

Personale da contattare: Siccardi Marina

Altre strutture che si occupano del procedimento

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: si
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no
60 giorni

Costi per l'utenza

Alla SCIA di apertura o variazione di attività va allegato un versamento di € 50,00 da effettuarsi con le seguenti modalità:

mediante ccp n. 11241189 intestato al Comune di Imperia con l'indicazione, nella causale "SCIA Attività di Estetista" o "SCIA Variazione Attività di Estetista";

mediante c/c bancario BANCA CARIGE filiale di Oneglia, via G. Berio, 2 IBAN IT 41 F 06175 10500 00000 1403790 con l'indicazione

"SCIA Attività di Estetista" o "SCIA Variazione Attività di Estetista".

Modulistica per il procedimento

Regolamenti per il procedimento

Servizio online

Facebook Twitter Linkedin
Recapiti e contatti
Viale Matteotti, 157 - 18100 Imperia (IM)
PEC protocollo@pec.comune.imperia.it
Centralino 0183 7011
P. IVA 00089700082
Linee guida di design per i servizi web della PA
Seguici su: